Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Verona e provincia – «Non di solo pane», progetto di educazione finanziaria di Mag Verona per aiutare 150 famiglie in difficoltà economica

È operativo il progetto «Non di solo pane», ideato da Mag Verona, che pone al centro le persone e le famiglie in momentanea difficoltà economica, causata dalla perdita del lavoro, da un infortunio o da una malattia, da una separazione o dal sovraindebitamento. L’obiettivo è di dare un sostegno su più fronti a 150 famiglie di Verona e provincia, per evitare che una fase di crisi temporanea scivoli in povertà conclamata e cronica.

Della durata complessiva di due anni, è finanziato da Fondazione San Zeno e Fondazione Cariverona, e gode della collaborazione di altri partner –Acli provinciali di Verona, CSA Cooperativa Servizi assistenziali, Omnia Impresa sociale, Le Fate onlus, D-Hub, Movimento consumatori Verona, Piccola Fraternità di Dossobuono, Federazione Fevoss e le associazioni Sharewood e Veronetta 129– per dare insieme risposte efficaci alle varie problematiche legate all’impoverimento.

«Lo strumento principale che offriamo, il bilancio familiare, permette di analizzare le spese e di apprendere come gestire le risorse a disposizione –afferma Stefania Colmelet, referente Educazione Finanziaria dello sportello di microcredito Mag-. Il percorso di accompagnamento è individuale o a nucleo familiare, dura una decina di incontri gratuiti mensili o bimestrali. I destinatari sono seguiti nell’analisi delle entrate, delle spese e di eventuali situazioni debitorie, e nella individuazione di nuovi stili di vita per amministrare meglio le proprie risorse. Su questi dati, poi, si redige un piano di programmazione e ristrutturazione della spesa, in modo che i problemi si possano risolvere o almeno tenere sotto controllo».

Sono previsti inoltre dei buoni bimestrali a sostegno delle spese di prima necessità, per favorire i comportamenti virtuosi della persona o del nucleo familiare. Nel caso emergano delle criticità che ostacolano i cambiamenti sul piano economico, subentra quindi il lavoro di rete insieme ai partner aderenti al progetto, che intervengono in caso di perdita del lavoro, emergenza abitativa, sovraindebitamento, difficoltà linguistiche, psicologiche o di gestione familiare.

«Al nostro sportello di microcredito, attivo da 14 anni, vediamo tante problematiche e da tempo cerchiamo di collaborare con altre realtà territoriali in città e provincia, perché spesso c’è bisogno di un intervento integrato accanto a quello economico – specifica Colmelet -. La novità di questo progetto sta nell’aver coinvolto fin dall’inizio realtà del Terzo settore disponibili a lavorare in rete, capaci di prendere in carico con uno sguardo complessivo la persona o la famiglia e collaborare insieme fino alla soluzione delle problematiche, o al loro miglioramento». Sono previsti inoltre dei percorsi di formazione per i beneficiari del progetto sull’educazione finanziaria e sull’accesso ai diritti, per far conoscere quali siano i supporti sociali esistenti sul territorio e le modalità di accesso.

«Dare risposte integrate non è semplice, perché innanzitutto noi operatori non sempre siamo formati su tutti gli strumenti a cui è possibile accedere per chi è in difficoltà –afferma Miriam Scappini, vice-presidente de Le Fate onlus-. Altrettanto chi ha bisogno di aiuto fatica ad avere una visione d’insieme e cerca interventi singoli, che non bastano a dare un esito efficace sull’intero contesto».

Uno dei fattori importanti del progetto è anche la relazione con i servizi pubblici, che ancora rispondono in modo settoriale per mancanza di risorse. «Costruire un welfare generativo non può prescindere dalle istituzioni –conclude Colmelet-. Con questo progetto non miriamo a sostituire nessuno, anzi, agiamo per rendere più fluido e coerente l’impegno a favore di quella fetta di popolazione che fa parte dei “nuovi poveri”. Vogliamo costruire una buona intesa in ogni singolo territorio in cui siamo presenti, perché nessuno resti indietro».

Per maggiori informazioni e per appuntamenti: microcredito@magverona.it045.8100279

Dettagli

Inizio:
Fine:
Categoria Evento: