L’opinione

«LETTERA» DI ETTORE MASINA. «GLI AQUILONI DI GAZA»

[Ettore Masina • 11.01.09] (...) Gaza, la strage di tanti bambini (e dei loro genitori), la nostra pretesa di neutralità o addirittura la nostra compassione pesata al bilancino per l'una e l'altra parte in lotta, sono infatti una tragedia alimentata dalla disinformazione o dalla manipolazione dell'informazione. Se i palestinesi, i loro diritti violati, la libertà che gli viene negata sono così spesso ignorati da noi, cioè condannati, da mezzo secolo, all'insignificanza, è perché l'opinione pubblica internazionale è stata fortemente condizionata dalla propaganda israeliana...

Leggi Articolo »

«LETTERA» DI ETTORE MASINA. «DOTTORI»

[Ettore Masina • 20.02.09] (...) «Scrivo queste cose a pochi giorni dai furibondi dibattiti sul caso di Eluana. In accordo con le teorie del sociologo Mac Luhan, il vero evento non è stato  la vicenda di un padre eroicamente fedele alla volontà della figlia ma l'acrimonia delle discussioni che hanno lasciato il grande pubblico alla mercé di emozioni da elaborare faticosamente. Poiché sono fra i tanti che sono usciti confusi dalla nebbia ideologica in cui la storia è stata avvolta, vorrei provare a riflettere con voi su quello che mi sembra il quesito fondamentale: cos'è vita?».

Leggi Articolo »

VERONA. LE RONDE CHE MI PIACCIONO

[Mao Valpiana • 24.03.09] Capitale morale della Lega. La città del sindaco sceriffo. La città dei pestaggi fascisti. La città dove un giovane muore massacrato per mano nazista. La città dove è vietato mangiare kebab per strada. La città dove alle panchine viene applicato il bracciolo per impedire ai senzatetto di dormirci la notte. La città delle ronde padane… Ma a Verona, da tanti anni, molto prima del vigente regime populista-leghista-fascista, ogni sera scende in campo una vera ronda. É la «Ronda della Carità». Un furgone, con quattro volontari, che dalle dieci di sera a notte fonda, gira per il centro e per i quartieri, portando una tazza di tè caldo, un pasto, una coperta, e una parola di conforto a chi ne ha bisogno.

Leggi Articolo »

ALEX ZANOTELLI: «FERMIAMO AFRICOM»

[Alex Zanotelli • 09.01.09] Napoli e Vicenza ospiteranno truppe Usa per l'Africa. Perché il governo italiano non ha informato il parlamento? Perché il mondo cattolico, e in particolare quello missionario, è silente? Bombardiamo di e-mail i ministri Frattini e La Russa.

Leggi Articolo »

LA «LETTERA» DI ETTORE MASINA. NATALE E HANUKKAH

[Ettore Masina • 26.12.08] «E la gloria del Signore avvolse i pastori di una grande luce…» (Luca 2,9). Da quella luce mi sono tante volte, gioiosamente, lasciato travolgere anch'io, ma quest’anno non ci riesco. Troppe ombre inquiete e inquietanti mi sembrano addensarsi sui giorni che stiamo vivendo; e non sono soltanto le ombre della crisi economica, che martirizza tante famiglie. Questo è il Natale felice della P2: Berlusconi, seguendo il vangelo di Gelli e il proprio sfrenato narcisismo, sente possibile ormai trasformarsi nel Lider Maximo di una democradura e ne dichiara l’intento...

Leggi Articolo »

GUARDARE IL MONDO DALLA FINESTRA DELL’OSPEDALE

[Adriano Sella • 02.01.09] Ospedale di Vicenza, 19 dicembre 2008. «Trovarsi in un letto dell’ospedale e trascorrere giorni e giorni. Vivere momenti duri a causa di certi interventi chirurgici, oppure lottare contro la malattia che sembra non lasciarti più. Aspettare la visita di un famigliare o di un amico che diventa come una carezza che dà sollievo al tuo viso stanco dal dolore e che ti fa sentire la dolcezza della solidarietà e dell’amicizia»...

Leggi Articolo »

GIOVANI ISRAELIANE CONTRO L’OCCUPAZIONE (di Giancarla Codrignani)

[Giancarla Codrignani • 25.12.08] Molti e molte soffrono nel mondo per mancanza di giustizia e di libertà. Penso alla pacifista palestinese Neta Golan in carcere in Israele, a Shirin Ebadi "avvertita" dalle autorità iraniane di non proseguire la sua attività di "sovversiva" o alle due suore rapite in Kenia. Ma penso anche alle soldate israeliane forse ancora detenute per essersi rifiutate di prestare servizio dove si distruggono le case e gli ulivi dei palestinesi: la stampa ce ne ha fornito la notizia un mese fa senza dare poi seguito all'informazione.

Leggi Articolo »

LA «LETTERA» DI ETTORE MASINA. I RAGAZZI DELL’ONDA

[Ettore Masina • 02.12.08] «So bene che gli studenti contestatori convinti e consapevoli delle ragioni della loro protesta non sono la maggioranza», «ma continuo a pensare che l’Onda studentesca sia una straordinaria iniezione di giovinezza nel torpido corpo di un'Italia che pareva arresa alla volgarità culturale di un governo i cui ministri somigliano ogni giorno di più al Perego di Albanese in «Che tempo che fa» o alle caricature che ne disegnano Crozza e la Guzzanti».

Leggi Articolo »

CONVERTITEVI (di Raniero La Valle)

[Raniero La Valle • 09.12.08] La guerra contro il terrorismo felicemente è perduta. Ciò non vuol dire rassegnarsi al terrorismo, ma significa che di fronte al terrorismo ci vuole qualcosa di ben diverso dalla guerra.

Leggi Articolo »

LA MENZOGNA CHE GENERA LA GUERRA (di Tonio Dell’Olio)

[Tonio Dell'Olio • 03.12.08] La caccia alle armi di distruzione di massa in Iraq, risultata viziata da informazioni di intelligence infondate, è «il più grande rammarico della mia presidenza»: lo ha detto George W. Bush, in vena di bilanci ed esami di coscienza di fine mandato, in un'intervista alla rete televisiva Abc...

Leggi Articolo »