L’opinione

ARRIVEDERCI, PADRE EFREM

[di Amedeo Tosi • Settembre 1997] Succeduto sei anni fa a P. Alex Zanotelli nella Direzione di Nigrizia, Efrem Tresoldi, 45 anni, torna in terra di missione...

Leggi Articolo »

COLONIALISMO. IL MITO DEL BUON ITALIANO

[ANGELO DEL BOCA • 08.11.02] Deportazioni di massa, bombardamenti con bombe di ipirite, campi di concentramento. Le pagine nere dei crimini commessi dalle truppe italiane in Eritrea, Somalia e Libia L'impero di sangue. Rappresaglie indiscriminate, stragi di civili, confisca di beni e terreni. Una politica coloniale all'insegna del mito sugli «italiani, brava gente». La storia negata. L'Italia repubblicana non ha ancora fatto i conti con l'«avventura coloniale» del fascismo, favorendo una storiografia moderata o revanscista...

Leggi Articolo »

GIULIETTO CHIESA: «NON DITECI CHI MUORE, E PERCHE’»

[Giulietto Chiesa • 19.08.03] A volte succede che le coincidenze aiutino a capire, d'un tratto, cose che prima non si vedevano con chiarezza. Cose che magari già sapevi, o credevi di sapere, ma che non ti erano mai apparse così brutalmente evidenti. Stavo leggendo l'ultimo libro uscito in Italia di Noam Chomsky, «Dopo l'11 Settembre, Potere e Terrore» (Tropea Editore), e mi ero soffermato su questo passaggio: «El Salvador diventò effettivamente il principale destinatario di aiuti militari statunitensi dell'epoca (con le eccezioni di Israele e Egitto, che costituiscono una categoria a sé) e commise alcune delle atrocità più efferate...

Leggi Articolo »

LETTERA APERTA AL MOVIMENTO DELLA PACE

[di TESSARO CLAUDIA e DANIELE MANENTE • 16.05.03] Con questo modesto scritto, vorremmo incoraggiare il variegato e variopinto movimento pacifista a rimanere unito, a non abbandonare mai l’attività di protesta e sensibilizzazione delle coscienze, tanto meno adesso dopo la dimostrazione di compattezza contro la guerra in Iraq...

Leggi Articolo »

CLANDESITNI, ECCO IL BUSINESS

[di Salvatore Palidda • 28.06.03] In quasi tutte le analisi e i commenti di questi giorni sugli annegamenti di migranti, sull'invocazione da parte dei Bossi e Borghezio di una sorta di Bava Beccaris del XXI secolo, sulle lacrime di coccodrillo del centro-sinistra e su altri fatti e aspetti connessi all'odierna situazione delle migrazioni, c'e' una singolare ignoranza di alcune correlazioni particolarmente rilevanti...

Leggi Articolo »

DALL’ULTIMA FILA

[di Vincenzo Andraous • 13.08.03] Mi chiedo spesso se sia giusto o meno esprimere un’opinione, un dissenso, una condivisione, alla luce della mia condizione. Intendo dire se sia meglio tacere, rimanere in ultima fila, nel rifugio più comodo, oppure chiedere di prendere la parola, in forza di una responsabilità ripristinata dai passi fatti in avanti in anni di inciampi e di crescita personale.

Leggi Articolo »

GRAZIA IN OFFERTA SPECIALE

[di Vincenzo Andraous • 23.07.03] Avevo già scritto in merito a questa vicenda, ma, nonostante  tante cose siano cambiate, siamo ancora al punto di partenza. Da una parte il Ministro Castelli, la destra, la sinistra, il centro. Dall’altra parte  Sofri, Ciampi, la Chiesa, i detenuti e le vittime. Arbitro è Dio, inascoltato.

Leggi Articolo »

SE QUESTO E’ UN UOMO. IL DRAMMA DELLE CARCERI E LA BEFFA DELL’INDULTINO

[Sergio Segio • 25.06.03] Dopo il danno, la beffa. Una beffa atroce, perfino meschina. Partorita neppure per cattiveria, ma solo dall’esigenza tutta politica di mascherare le spaccature nella maggioranza e la confusione e i tentennamenti nelle opposizioni. Prodotta quasi per inerzia – prevedibilmente ma non inevitabilmente - a partire dall’errore iniziale di non essersi trasparentemente confrontati e divisi sulla via maestra di un indulto vero e pieno, senza trucchi e senza diminutivi. Non solo in eventuale ossequio alle richieste del Papa, ma in doveroso rispetto del buon senso, della costituzionalità e dell’efficacia reale dei provvedimenti.

Leggi Articolo »

GLI IMPUTATI DI DOMANI

[di Vincenzo Andraous • 22.05.03] Quante volte ho sentito sostenere con estrema superficialità che i più giovani, quelli che non hanno ancora quattordici anni, rimangono  impuniti anche  quando sono protagonisti di accadimenti gravi, e appunto questa possibilità ( di non essere imputati ) favorirebbe la devianza di altri ragazzi che ne seguirebbero l’esempio devastante...

Leggi Articolo »